Aumentano i Morti sulla strada

Malasanità in Italia – Un milione e 150 mila
 euro alla famiglia
6 giugno 2016
Quando il dottore sbaglia
20 settembre 2017

Oltre 800 le morti sulla strada dall’inizio del 2017.

Aumentate inoltre le sanzioni per chi fa uso del cellulare alla guida.

Il 2017 inizia con un esponenziale aumento delle morti sulla strada. Il ministro dell’Interno Marco Minniti provvede ad un «segnale allarmante» così definito dal Dipartimento di Pubblica Sicurezza, ovvero l’aumento delle morti sulla strada in Italia, con una Direttiva intenta a raggiungere un chiaro obiettivo: prevenire e contrastare i comportamenti che rappresentano le principali cause degli incidenti stradali; dal mancato uso dell’auricolare a quello delle cinture fino al mancato utilizzo del casco, o peggio ancora dalla guida in stato d’ebbrezza o sotto l’effetto di droghe.

I dati parlano chiaro: dal 1 gennaio al 16 luglio si sono verificati 39.049 incidenti, 3,5% in meno rispetto al 2016, nonostante questo, l’aumento dei morti continua. Al 16 luglio si registra un aumento del +2,9% considerando anche i  dati dei primi sei mesi, l’aumento è del 7,4% e le vittime passano da 745 a 800.  Inoltre è stato registrato un altro dato che fa spaventare: sono aumentate del 15,1% le infrazioni per l’uso del cellulare alla guida, strumento ritenuto causa principale di distrazione alla guida.

Intervenire immediatamente è d’obbligo vista la gravità della situazione. La Direttiva di Minniti  emanata il 21 luglio punta pertanto a favorire l’ utilizzo della tecnologia con l’obiettivo di ridurre drasticamente gli incidenti stradali. Si va dal costante monitoraggio sulla collocazione dei sistemi di rivelazione della velocità da parte dei prefetti, alla verifica annuale delle apparecchiature. Spetterà ai prefetti dare attuazione alla direttiva.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi